2016

Testo disponibile a breve

Bagnanti
Tecnica mista su carta nautica di recuperodel 1937, 88x125cm. Collezione privata.
Autoritratto
Tecnica mista su carta nautica della grande baia a sud di New York 46x48cm. Collezione privata.
La grande onda di Gaston
Tecnica mista su carta nautica di recupero del 1943, 87,5x123cm.
Gondolier
P.d.A. Puntasecca su ed acquaforte su zinco con fondino, 15x15cm.
Workers
Tecnica mista su carta mappa della metropolitana newyorkese 55x80cm.
View the embedded image gallery online at: http://www.claudiart.net/opere

2015

Impossibile rimanere impassibili davanti al problema dell’immigrazione i lavori di questo periodo prendono forma su carte nautiche, sempre su un supporto legato al tema del mare e del viaggio. Il soggetto centrale è sempre l'umanità, rappresentata su un materiale che ha perso il suo uso comune di valore pratico, per diventare opera d'arte. Come scrive il Prof.Guarnieri: "Ogni opera racconta un frammento, un attimo fuggevole che diviene testimonianza d’amore oltre il limite del tempo. Nei dipinti dell'artista affiora una ricercata fusione di idealità tra terra cielo, natura incontaminata e amore in un incantevole inno alla felicità.  Delicate figure, di raro vigore espressivo, narrano episodi del vivere evocando l’unicità dell’esistenza come pulsante dialogo tra le comunità, donando alla personale figurazione un senso di infinito e di mistero".
Vengo invitata ad esporre nell’ex studio del pittore Roberto Merelli davanti l’ingresso artisti del Teatro la Fenice ora "Galleria San Marco 1958 - all’Oleandro Rosa".

Dal tramonto all’alba
Tecnica mista su carta nautica di recupero degli anni ‘80, 74x113cm (Donazione alla Kunsthaus Herr Gevatter)
Inferno marino
Tecnica mista su carta nautica di recupero degli anni ‘80, 88x125cm
Naufraghi
Tecnica mista su carta nautica di recupero del 1976, 88x125
Il viaggiatore
Tecnica mista su carta nautica di recupero degli anni ‘70, 87x125cm. Collezione privata
Acqua alta
Tecnica mista su mappa turistica di Venezia di recupero 47,5x50cm
View the embedded image gallery online at: http://www.claudiart.net/opere

2014

Lo studio del pianoforte al Conservatorio di Venezia e la continua frequentazione dei concerti e delle opere al Teatro La Fenice mi porta ad unire le due passioni della pittura e della musica in opere svolte come uno spartito musicale a volte dipinte direttamente con le mani come se suonassi col colore. Come scrive il Prof.Guarnieri: "L’immagine di Venezia per Claudia Corò diviene un’illimitata evocazione di visioni che lentamente prendono forma generando inconsueti aneliti di stupore e passione. Idilliaci enigmi cromatici si estendono in ampie campiture, tramutandosi in vibratili sensazioni ideative oltre il limite dell’immaterialità. Struggenti frammentazioni liriche si elevano a pura spiritualità, tra lontani e variabili orizzonti  ed irrevocabili riflessi, raggiungendo una sottesa essenza sospesa tra realtà e sogno".
Vengo invitata da Art-Events e Valorizzazioni Culturali ad inaugurare con un’esposizione Palazzo Flangini sul Canal Grande dopo il lungo restauro.

Adagio per rii in Sol Maggiore
Tecnica mista su carta giallina 64x44cm
Corteo dea Sensa
Smalti su legno di recupero, elemento di pagliolato di tipica imbarcazione veneziana, 46x117cm
Allegretto doppio movimento in Mi minore al Ducale
Tecnica mista su legno 66x86cm. Collezione privata
Punta della Dogana da Mar
Smalti su legno di recupero, trastolino di gondola, 32x75cm. Collezione Fondazione Gran Teatro La Fenice
Notturno a San Zaccaria
Tecnica mista su legno 39x59cm
View the embedded image gallery online at: http://www.claudiart.net/opere

2013

L’unicità e l’importanza che attribuisco alla creazione mi porta a non volerne eseguire, nemmeno nell’ambito della grafica, una riproduzione seriale. Emblematica è la serie di opere su frammenti d’imbarcazioni tipiche lagunari dove, riprendendo le casuali tracce di vissuto trovate nel legno, ne continuo l’evoluzione trasformandoli, come il movimento Dada insegna, in opere d'arte. Frammenti non più d'imbarcazione ma di una cultura classica ormai alla deriva.
Vengo invitata a partecipare alla prima Biennale d’Arte di Sharm El-Sheikh.

Cariatide
Smalti sintetici su frammento d'imbarcazione veneziana, 37x122cm.
Ercole
Smalti sintetici su frammento d'imbarcazione veneziana, 38x85cm.
Cupido
Smalti sintetici su frammento d'imbarcazione veneziana, 32x92cm.
Diana
Smalti sintetici su frammento d'imbarcazione veneziana, 33x97cm.
Vestale
Smalti sintetici su frammento d'imbarcazione veneziana, 41x82cm.
View the embedded image gallery online at: http://www.claudiart.net/opere

2012

La bellezza che trovo nel vivere a Venezia mi continua a trattene in questa città nonostante tutte le difficoltà e la crisi economica. Inizio a vagabondare ma restando sempre in laguna, d’estate con la mia sampierotta Incantaura (vecchio termine buranello che indica il fermo dell’acqua tra l’alta e la bassa marea) dipingendo totalmente anche la vecchia barca personalizzandola. Ho voluto contribuire nel mio piccolo in sostegno del terremoto verificatosi in Emilia Romagna ad un’asta di beneficenza nonostante la mia produzione non sia molto prolifica a causa delle molte difficoltà incontrate. Nonostante tutto ho la fortuna di lavorare nel fantastico Teatro la Fenice.

Schiena
Grafite su carta 70x50cm
Stupro
Grafite su carta 70x50cm
Cormorano
Matita su carta 16x21cm
Insonnia
P.d.A. Puntasecca su zinco 17,5x13cm
Bambino deriso
P.d.A. acquaforte su zinco 13x8,2cm
View the embedded image gallery online at: http://www.claudiart.net/opere

2011

La figura umana inizia a deformarsi sempre di più. Lo studio dell’anatomia umana studiata all’Accademia coi Proff Mauro Zocchetta e Maurizio Tonini viene trascesa in un universo di angeli e demoni. Come punti di riferimento posso citare con ammirazione la fantasia di Manina Tischler, il segno di Emilio Vedova, la dissolvenza della luce del Tintoretto, la distorsione di Roberto Merelli e l’astrazione di Mario De Luigi. Nell’estate di quest’anno sono stata selezionata con altri artisti per poter dipingere e così testimoniare l’atmosfera della città di Hangzhou in Cina, il mio tema era la città vecchia. E’ stata un’esperienza molto interessante soprattutto grazie all’illuminata Hangzhou Cultural Brand Promotion Organization.

Studio di teschio
Olio su carton cuoio 25,5x35,5cm
Schizzo dell'opera LA CITTA' VECCHIA
Grafite e acquarello 30x42cm
Il Drago marino del fiume di Hangzhou
Tecnica mista su tela 70x50cm
Ilga e Tex, rio de la Palada alla Giudecca
Penna su carta 18x26cm
Scorcio del ponte di Rialto
P.d.A. Puntasecca su plexiglass con variazioni monotipiche 40x28cm
View the embedded image gallery online at: http://www.claudiart.net/opere

2010

Fortunatamente ho potuto viaggiare abbastanza in giro per il mondo ed assimilare, in particolar modo con gli occhi, molte testimonianze del genere umano nei diversi periodi storici. Rimango particolarmente attratta dalle civiltà greche e romane sviluppatesi principalmente nel Mediterraneo e nello specifico della mia produzione artistica l’interezza della raffigurazione classica apollinea perde la sua fisicità, esplode e tutte le certezze svaniscono in un turbine dionisiaco: ‘il pensiero tragico è una saggezza che non ha bisogno di costruire un mondo eterno ma che è invece costituita dall’accettazione della fragilità e della vulnerabilità dell’uomo … quindi non segue l’immenso ma coglie l’attimo presente’. (Riflessioni sulle Baccanti di Euripide, Prof.Vinci).

Irrequietudine
Tecnica mista su carta 50x70cm
In fondamenta del ponte picolo
Tecnica mista su faesite 50x70cm
Testa maschile
Tempera e grafite su carton cuoio 35x25cm. Collezione privata.
San Marco Vola
Tecnica mista su cartone 35x42,5cm
Minerva, da frammento scultoreo romano
P.d.A. incisione sperimentale con riserva 15x10cm
View the embedded image gallery online at: http://www.claudiart.net/opere

2009

La voglia di libertà mi porta, oltre che a viaggiare, a lavorare all’aria aperta nei numerosi cantieri navali. In questo periodo utilizzo degli smalti sintetici d’uso propriamente cantieristico con tinte sgargianti e parallelamente questi toni vivaci dilagano anche nei fondini grafici. Sempre al Centro Internazionale della Grafica imparo l’arte di fabbricazione della carta ed i diversi metodi di rilegatura per far nascere un libro. Anche se sono una persona molto socievole all’atto della creazione artistica ho bisogno di stare in solitudine.

Isola di San Giorgio vista da San Zaccaria
Gommalacca e smalti sintetici su legno 30x40cm. Collezione privata.
Fondamenta d’inverno
Tecnica mista su faesite 50x70cm. Colleziona privata
Testa femminile
Da frammento di testa romana con pettinatura alla Giulia di Tito. P.d.C., vernice molle e acqua tinta su zinco 15x9,8cm
Afrodite
P.d.s. Puntasecca su rame 13,7x16cm
Guerriero
P.d.C. Puntasecca e vernicetta che salta su zinco 12x9cm
View the embedded image gallery online at: http://www.claudiart.net/opere

2008

L’amichevole frequentazione col pittore Roberto-Bobo Ferruzzi mi porta ad una progressiva frammentazione del colore che poi sfocia in realizzazioni con la tecnica del mosaico, assecondata dal Maestro mosaicista Giovanni Cucco. Nonostante la sperimentazione dei più svariati materiali soprattutto nell’ambito della grafica artistica il mezzo espressivo del segno rimane il territorio in cui la mia irrequieta espressività è più affine. Entro a far parte dell’associazione Società per Artisti ed Amici dove oltre allo scambio artistico si cerca di trovare una soluzione al problema di trovare uno spazio dedicato ai giovani artisti a Venezia in centro storico.

Ponte del squero alla toletta
Olio e smalti sintetici su tela 100x140cm
Isola
Smalti sintetici su legno 24x13cm
Isola abbandonata
Smalti sintetici su legno 24x35cm
Ea casa dei fanaisti
Smalti sintetici su tela 40x50cm
Autoritratto
Mosaico vitreo e sabbia 31,5x23cm
View the embedded image gallery online at: http://www.claudiart.net/opere

2007

Inizio a sentire più forte li bisogno di rappresentare più spesso la quotidianità in cui vivo cioè Venezia. Affascinata dallo strumento di riproduzione fotografica e dalla camera oscura con l’amico e grafico Emmanuele Novo, inizio a scoprire i segreti delle antiche ed alternative tecniche fotografiche avvicinandomi agli studi del gruppo Rodolfo Namias per poi sviluppare uno stile personale che a mio avviso include contemporaneamente l’antico ed il moderno. Inizio a frequentare il vicino studio del pittore Geoffrey Humphries e della moglie Holly Snapp sempre alla Giudecca. L’analisi introspettiva, ed indubbiamente l’attenzione alla salute fisica dovuta al lavoro medico di mio padre, mi portano a concepire, in questo periodo, gli esseri viventi come degli agglomerati cellulari molto colorati.

Fontana
Foto analogica con pellicola b/n con sovrapposizione di ritocchi digitali. File
Sacca Sessola
Foto analogica con pellicola b/n con sovrapposizione di ritocchi digitali. File
Isola di san Giorgio Maggiore
Foto analogica con pellicola b/n con sovrapposizione di ritocchi digitali. File
Fontana del Ponte Longo
Foto analogica con pellicola b/n con sovrapposizione di ritocchi digitali. File
San Lazzaro degli Armeni
Foto analogica con pellicola b/n con sovrapposizione di ritocchi digitali. File
View the embedded image gallery online at: http://www.claudiart.net/opere

2006

Finita l’Accademia il mio carattere ed il mio senso pratico mi hanno spinto ad analizzare di prima persona le varie correnti artistiche che avevo precedentemente studiato, perché credo che solo in prima persona si può intuire nel profondo l’animo del continuo processo irrisolvibile della Pittura. Ho provato ad avvicinarmi alle misteriose tracce lasciate dagli uomini primitivi ispirata principalmente dalle opere di Zoran Music. Stimolante l’affiancamento nelle realizzazioni d’arte con Clo Clo Grassetti ed al Centro Internazionale della Grafica di Silvano Gosparini e Nicola Sene-Lilli dove ho potuto studiare anche a fianco di Riccardo Licata, Rina Riva e molti altri grandissimi artisti e Maestri.

Il sogno ti Tiziano
Olio su tela 80x70cm
Meriggio
Emulsione fotosensibile per serigrafia, acrilico, pigmenti e collage su tela 100x50cm
Cacciatori preistorici
Tecnica mista su carta nera 23x35cm
Mano
P.d.A. Puntasecca su rame 12,5x10cm
Guerriero di schiena
P.d.A. Bulino su piombo 10,5x9,5cm
View the embedded image gallery online at: http://www.claudiart.net/opere

2005

Dopo aver frequentato il Liceo Artistico Statale di Venezia mi diplomo l’11 luglio di quest’anno in pittura e restauro pittorico all’Accademia di Belle Arti di Venezia con una tesi sulle incisioni di Marcantonio Raimondi coi Proff. Ferrara e Fantinato. Nell’aula di Pittura dei Proff. Carlo Di Raco e Luciano Zarotti ho potuto eseguire dei lavori di grande formato, prediligendo sempre il delicato supporto cartaceo dove si possono vedere tutti i successivi passaggi d’esecuzione dell’opera, dipingendo direttamente senza uno studio preparatorio. Il mio campo di ricerca predilige la figura umana inserita nel tempo e nello spazio, con particolare attenzione agli studi classici ricontestualizzandoli nel presente, ne risulta uno stile definito da molti come figurativo espressionista destrutturato e gestuale.

Non ti fidar
Tecnica mista su carta giallina intelaiata 150x205cm
Gita in Bacan
Tecnica mista su carta giallina intelaiata 155x183,5cm
Famiglia di pescatori
Tecnica mista su carta giallina intelaiata 150x165cm
Ebe, allegoria della temperanza
P.d.A. Bulino su zinco e xilo, 21x18cm
Aurora
Dalla serie “Sogno con Luna piena” da Marcantonio Francia. P.d.A. Acquaforte con tocchi di maniera nera a più matrici 22,7x23,5cm
View the embedded image gallery online at: http://www.claudiart.net/opere